Il Curriculum
Home ] [ Il Curriculum ] Attualità ] La Carriera ] Il Jazz ] Discografia ] Preferiti ] Download ] Come Contattarmi ]

 

 

 

 

 

 

 

 

Il curriculum

Tony Vella , pianista, organista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra, nato a Terrasini (Palermo), in attività dal 1957, ha acquisito vasta esperienza lavorando, all'estero con formazioni a piccolo e medio organico ed in Italia come maestro arrangiatore, per alcune importanti case discografiche. 

A Palermo dal 1972, oltre che all'attività concertistica, si è dedicato ad attività culturali ed alla formazione di giovani talenti tenendo corsi di teoria, pratica strumentale e musica d'insieme applicati alla musica jazz.

Nel `75 Ha partecipato al “Pescara Jazz Festival” con la New Jazz Society di Palermo, unico gruppo Italiano, unitamente a Zoot Sims quartet, Antony Braxton, Elvin Jones quintet, Red Norvo trio, Chet Baker quartet, Charles Mingus Group, Roland Kirk quintet e Don Cherry Organic Music Theatre. 

Nel `77 Ha preso parte all'attività artistica presentata dal centro Reinhardt al Teatro Politeama per l'Ente Autonomo Teatro Massimo di Palermo.

Nel `78 Ha costituito e diretto “l' Orchestra” in collaborazione con il centro Reinhardt per la stagione concertistica organizzata dall'Associazione Siciliana Amici della Musica presentata all'Auditorium SS. Salvatore di Palermo. 

Nel `84 Ha preso parte al 7° Messina Jazz Meeting con la Brass Group Big Band, nella qualità di direttore d'orchestra e arrangiatore. 

Nel `84 -`85 Con l'incarico di direttore stabile della “Brass Group Big Band” ha tenuto diversi concerti nel meridione ed ha collaborato con musicisti di fama internazionale quali: Archie Shepp; Ernie Wilkins; Mel Lewis; Sam Rivers; Toshiko Akiyoshi; Paolo Lepore; Franco Cerri; Danilo Terenzi. 

Nel `90 Ha costituito la “Fusion Jazz Band”, una grande orchestra interamente composta da giovani musicisti siciliani. Una big band, in sostanza, capace di proporre una musica-spettacolo polivalente sul modello di certe grandi orchestre americane (a cominciare da quella di Quincy Jones).
La Fusion Jazz Band, nelle sue performances, ha dimostrato un buon affiatamento, un fronte sonoro di notevole spessore, una cura particolare nell'allestimento degli arrangiamenti ed una felicissima propensione ad un repertorio di più vasto approccio che non disdegna frequentazioni brasiliane o pop-jazz  (N.d.R.)

Nel `91 -`92 Ha partecipato a due edizioni televisive della “Venere d'Argento” svoltesi ad Erice (TP) e riprese dalla RAI Radiotelevisione Italiana.